Frodi assicurative: “Il triangolo si!” il fenomeno sempre più diffuso dei sinistri a tre veicoli

sinistri auto antifrode assicurativa

Si tratta dell’ultima tendenza diffusa in fatto di sinistri auto fraudolenti: l’utilizzo ormai quasi sistematico di tre veicoli per imbastire un sinistro fraudolento. L’auto garantita urta un veicolo che per effetto stesso dell’urto va a collidere una seconda vettura di controparte che circolava nel senso opposto, oppure tamponamenti a catena di vecchio stampo nei pressi di un incrocio o un semaforo.

Se l’obiettivo di questa prassi quasi consolidata tra le organizzazioni della frode è evidente e cioè massimizzare il profitto di un sinistro, più subdoli sono i metodi e le motivazioni alla base di questa nuova strategia. Le auto danneggiate presentano sempre danni di lieve entità e quindi i risarcimenti sono cosiddetti “sotto soglia” (intorno ai 1000 euro), cosa che permette di ricevere più velocemente e facilmente i risarcimenti visto che le compagnie tendono a non attivare accertamenti e controlli su sinistri con basse pretese di risarcimento.

Il fatto è che solo all’apparenza questi sinistri si presentano poco “dispendiosi”. Infatti intervengono sempre più studi legali insieme (con moltiplicazione delle parcelle). Talvolta, soprattutto quando la seconda controparte coinvolta è un motociclo, si denuncia anche qualche leggera lesione che va a “arrotondare” il risarcimento.

Infine pesa molto la frequenza dei sinistri, essendo il fenomeno molto diffuso e vista la difficoltà della compagnia a contravvenire a iniziative del genere, il danno è notevole.

Ultima chicca, qualche volta il veicolo garantito ha targa straniera e conducente residente all’estero, cosa che permette di garantire l’assoluta irreperibilità del veicolo garantito (per eventuali riscontri della compatibilità dei danni) sia l’escussione del conducente assicurato.

Print Friendly

About Giovanni Romito

Comunicatore e operatore di marketing, esperto in comunicazione delle Compagnie Assicurative, Banche e Agenzie di Investigazione.

Leave a Reply